DE BENEDETTI IL PREMIER OMBRA: “SONO IO IL PADRE DEL JOBS ACT”

Carlo de Benedetti? Il vero premier ombra del governo di Matteo Renzi. Leggendo il verbale della Consob in cui i funzionari dell’authority di vigilanza sui mercati hanno trascritto l’interrogatorio dell’Ingegnere convocato nel 2015 a seguito delle attività anomale in Borsa sui titoli delle Popolari di cui si è resa protagonista anche la Romed, società di trading allora presieduta da de Benedetti, emerge anche lo stretto rapporto fra l’editore del gruppo Espresso e l’ex premier a cui de Benedetti “ha suggerito il Jobs-Act”, un provvedimento che “che poteva essere utile e che poi, di fatto, lui (Renzi, ndr) poi è stato sempre molto grato perché è l’unica cosa che gli è stata poi riconosciuta”.

Il sensazionale scoop è del Sole 24 Ore a firma del giornalista Angelo Mincuzzi che ha riportato tutti i virgolettati delle risposte dell’Ingegnere ai funzionari dell’authority. Per spiegare il contesto all’interno del quale sono avvenuti gli incontri con Renzi e Panetta nell’ambito della vicenda sulla compravendita di titoli delle Popolari a gennaio 2015, de Benedetti racconta alla Consob delle sue frequentazioni politiche.

Io normalmente con Renzi faccio – scrive il quotidiano finanziario di Confindustria – facciamo breakfast insieme a Palazzo Chigi – fa mettere a verbale – … e io devo dire che quando lui ha iniziato, quando lui ha chiesto di conoscermi, che era ancora sindaco di Firenze, e io … mi ha detto: “Senta”… ci davamo del Lei all’epoca, mi ha detto: “Senta, io avrei il piacere di poter ricorrere a Lei per chiederle pareri, consigli quando sento il bisogno. Gli ho detto: “Guardi! va benissimo. Non faccio, non stacco parcelle, però sia chiara una roba: che se Lei fa una cazzata, io Le dico: caro amico, è una cazzata”.

Nel suo ruolo di advisor informale, de Benedetti – aggiunge il Sole – parla anche del Jobs Act e di un consiglio dato a Renzi quando era ancora sindaco di Firenze: “Io gli dicevo che lui doveva toccare, per primo, il problema lavoro e il Jobs-Act è stato – qui lo dico senza, senza vanto, anche perché non mi date una medaglia, ma il Jobs-Act gliel’ho, gliel’ho suggerito io all’epoca come una cosa che poteva – secondo me – essere utile e che poi, di fatto, lui poi è stato sempre molto grato perché è l’unica cosa che gli è stata poi riconosciuta”.

Gli uomini della Consob – conclude il quotidiano di viale Monterosa – gli chiedono poi se abbia incontri con qualcun altro dello staff della presidenza del Consiglio. “No – risponde de Benedetti -. Guardi io sono molto amico di Elena Boschi, ma non la incontro mai a Palazzo Chigi. Lei viene sovente a cena a casa nostra ma non … diciamo io, del Governo vedo sovente la Boschi, Padoan. Anche lui viene a cena a casa mia e basta. Perché poi sa, quello lì si chiama Governo, ma non è un Governo, sono quattro persone, ecco”.

Fonte Affari italiani

POTREBBERO INTERESSARTI: