Due navi nel porto di Bari. Provengono da Canada e Francia e portano il grano per Casillo e Divella. Così possono fare la pasta “made in Italy”…!

Commento

Ci sono due nuove navi nella rada del porto di Bari che attendono di entrare. La prima è francese ed è destinata a Divella. La seconda è canadese e il ricevitore è Casillo, che peraltro è ancora alle prese con lo scarico di altre due navi. Quella del grano bio turco e la nave di grano rumena che sembra stia immagazzinando nei Silos granari della Sicilia presenti nel porto di Bari. Ancora in corso lo scarico della nave canadese Myrto di Agriviesti e Cerealsud. Si attende l’arrivo a giorni di un’ altra nave canadese… 

Prosegue l’invasione silenziosa delle navi di grano estero nel porto di Bari, mentre altre tre navi stanno procedendo con le operazioni di scarico.

Divella, dopo aver già scaricato la nave francese Lady Siria, è in attesa di scaricare la nave SDS WIND una General Cargo IMO 9338125 MMSI 247182200 costruita nel 2005, battente bandiera Italiana (IT) con una stazza lorda di 5581 ton, summer DWT 7600 ton. La portarinfuse è partita da PORT LA NOUVELLE (FRANCIA) il 19 settembre 2017 alle ore 17:35 ed è arrivata al porto di Bari il 23 settembre alle ore 14:21. La nave ha un carico stimato di oltre 60 mila quintali di grano. Destinazione DIVELLA

La nave canadese destinata a Casillo è, invece, una Bulk Carrier IMO 9798856 MMSI 563021600 costruita nel 2017, battente bandiera Singapore(SG) con una stazza lorda di 43291 ton, summer DWT 80962 ton. Il nome della  gigantesca portarinfuse è PYXIS OCEAN. Ha sette stive ed è partita da Vancouver (Canada) il 16 agosto 2017 alle ore 21:02 ed è arrivata a Bari il 24 settembre alle ore 17:56. La nave è dieci volte più capiente di quella di Divella e dovrebbe scaricare circa 600 mila quintali di grano canadese destinazione CASILLO.

fonte: http://www.granosalus.com/2017/09/25/due-navi-in-rada-al-porto-di-bari-per-casillo-e-divella-provenienza-canada-e-francia/

via Zapping

loading...
LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Commenti per questo post