Economia

ECCO COME LE BANCHE GUADAGNANO ANCHE CON IL NATALE DEI POVERI ITALIANI 

La metà degli intervistati chiederà un importo di almeno 2 mila euro

Il Natale si avvicina a grandi passi e per far fronte ai costi legati a regali, cenoni, feste e vacanze invernali, molti italiani hanno valutato l’opzione di chiedere un prestito personale o di ripiegare verso un pagamento rateale.

Il sondaggio. E’ quanto emerge da un sondaggio realizato da Facile.it e Prestiti.it. Un italiano su 4 – ossia circa il 24 per cento degli intervistati – si affiderà ad una finanziaria per sostenere le spese collegate al Natale. E la metà di questi, chiederà un importo di almeno 2 mila euro.

Per cosa servirà il prestito? Tra coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale durante le feste, il 43,7% utilizzerà la somma per pagare una vacanza (più frequentemente la settimana bianca), il 40,6% per comprare i regali e il 15,6% per sostenere i costi del cenone.

La durata del finanziamento. Per quanto riguarda la durata del finanziamento, gli italiani cercheranno di rimborsare il prestito in un periodo relativamente breve; il 53% ha dichiarato di volerlo restituire in meno di 12 mesi, il 19% entro i 24 mesi mentre meno di 1 su 3 il (28%) opterà per un piano rateale superiore ai due anni. Se si guarda a coloro che non intendono richiedere un prestito personale, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere ad una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.

Fonte: interris

via Informare per Resistere