GOVERNO, IL “TERZO UOMO” DEL PRESIDENTE SERGIO MATTARELLA: MARIO DRAGHI O RAFFAELE CANTONE PREMIER

Nel momento dello stallo, si torna a parlare del “terzo uomo”. La trattativa tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini per formare un governo langue, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ora non pressa ma non ha alcuna intenzione di lasciare l’Italia senza un esecutivo. Per questo, se M5s e Lega (o Pd) non raggiungeranno un accordo, dal Quirinale calerà la carta del premier “non politico”, in grado di raccogliere una ampia maggioranza in Parlamento.

Di nomi, per, ora, ne circolano pochi. Uno è quello del presidente Bce Mario Draghi, che avrebbe però già declinato l’offerta. L’altro, scrive Repubblica, è un evergreen di questi  ultimi anni, buono per tutte le stagioni e tutte le poltrone: Raffaele Cantone, il supermagistrato che Matteo Renzi, da presidente del Consiglio, ha messo a capo della Autorità nazionale Anticorruzione e assai gradito soprattutto da dem e grillini.

via Libero

POTREBBERO INTERESSARTI: