GOVERNO LEGA-M5S, UE IN PRESSING “NON CAMBI POLITICA SUI MIGRANTI” “E MANTENETE LA ROTTA SUL DEFICIT”

“Speriamo” che col nuovo governo in Italia “non ci siano cambiamenti sulla linea della politica migratoria”. Cosi’ il commissario europeo alla Migrazione Dimitris Avramopoulos ha risposto a una domanda, rivelando che Bruxelles è già in pressing sul tema che più sta a cuore a Salvini per la nascita del possibile governo Lega-M5s. Avramopoulos è tornato anche a lodare l’Italia per quanto fatto, ricordando, tra l’altro, che il Paese e’ tra gli Stati che hanno il maggior sostegno da Bruxelles.

Governo Lega-M5s, fonte Ue: “Lavoreremo con nuovo premier come con altri”

“Avremo un nuovo primo ministro italiano che si unirà al club degli altri leader in giugno con un mandato che deriva da elezioni democratiche. Dovremo gestire insieme le sfide europee come facciamo con altri leader europei e non tutti sono perfetti”. Così un alto funzionario del Consiglio europeo ha commentato la prospettiva di un governo Movimento 5 Stelle-Lega in Italia. “Questa è la vita”, ha spiegato. Il funzionario ha confermato che Paolo Gentiloni sarà al Vertice di Sofia tra l’Ue e i paesi dei Balcani occidentali, ma ha detto di non sapere se il presidente del Consiglio deciderà di “fare un resoconto” agli altri capi di Stato e di governo sulla situazione politica in Italia e la formazione del nuovo governo.

Dombrovskis, Italia mantenga rotta su riduzione deficit

“Nell’approccio alla formazione del nuovo governo e nell’approccio alla stabilita’ finanziaria” l’Italia deve “mantenere la rotta” degli ultimi anni “riducendo gradualmente il deficit e il debito”. Questo l’avvertimento lanciato dal vice-presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, intervenendo a un dibattito organizzato da Politico.eu. Dombrovskis ha sottolineato che la Commissione non intende “coinvolgersi” nella discussione sulla formazione del governo, ma e’ “pronta a lavorare con le autorita’ democraticamente elette degli Stati membri”. L’approccio dell’esecutivo comunitario non cambiera’ “indipendentemente da quale governo ci sara'”. Senza anticipare il giudizio sull’Italia atteso per la prossima settimana, Dombrovskis ha spiegato che le raccomandazioni della Commissione all’Italia si concentreranno sulle “questioni di bilancio”. L’Italia “ha il secondo debito pubblico” della zona euro: “e’ molto chiaro che in questa fase di crescita economica deve metterlo in discesa”, ha detto il vicepresidente della Commissione. “Questo approccio e’ lo stesso” adottato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, “che ha enfatizzato durante il processo di formazione del governo la necessita’ di mantenere gli impegni europei”, ha spiegato Dombrovskis. Nelle raccomandazioni all’Italia, la Commissione inoltre chiedera’ di affrontare i “colli di bottiglia” dovuti alla bassa produttivita’ e di continuare a lavorare sui crediti deteriorati delle banche “anche se negli ultimi due anni ci sono stati progressi abbastanza sostanziali nella riduzione”. In vista dei prossimi appuntamenti europei, in particolare il Vertice di giugno sul completamento dell’Unione bancaria e l’approfondimento della zona euro, Dombrovskis ha ricordato che “l’Italia con l’attuale governo e’ stata molto attiva e sostenitrice dell’agenda” per riformare l’Unione economica e monetaria.

via Affaritaliani

POTREBBERO INTERESSARTI: