News

Guerra verbale tra Svezia e Ungheria. La ministra svedese insulta : “siete come i nazisti”, l’ungherese sei tu una “creatura malata”

La Svezia e l’Ungheria sono state coinvolte in un aspro litigio dopo che un ministro svedese ha fatto un controverso raffronto tra la politica pro-famiglia di Budapest e quella della Germania nazista.

L’ambasciatore ungherese in Svezia è stato subito convocato in un incontro con i rappresentanti del ministero degli Esteri nell’ambito dell’intensificarsi dello scambio di fuoco verbale tra le due nazioni.

La guerra di parole è scoppiata quando il ministro svedese delle assicurazioni sociali, Annika Strandhäll (nella foto sopra), ha paragonato la nuova politica pro-famiglia dell’Ungheria, che include l’esenzione fiscale completa per le madri di quattro figli, a quella della Germania nazista, affermando che “puzzava di politica anni ’30 della Germania nazista”. A sua volta, il vice primo ministro ungherese, Zsolt Semjen, ha definito il ministro svedese come una “povera creatura malata” in un talk show su Echo TV.

“Che altro dovrebbe volere l’Ungheria se non i bambini ungheresi nati in Ungheria? Quindi credo che quello che ha detto questa “povera creatura malata” sia un’anomalia in sé”, ha detto Zsolt Semjen, come citato dall’emittente nazionale svedese SVT . Durante l’intervista, ha fatto riferimento a Annika Strandhäll in diverse occasioni come “povera creatura”. Ha anche sottolineato che il governo ungherese sta aiutando le donne a diventare madri, sottolineando che chiunque metta in discussione le leggi della natura è un malato.

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri svedese Pezhman Fivrin, queste dichiarazioni erano inaccettabili e hanno dato il via alla convocazione.
“Queste sono le dichiarazioni che riteniamo inaccettabili”, ha detto Fivrin alla radio svedese .

Annika Strandhäll stessa ha sottolineato “importanti differenze” tra la famiglia e le politiche sull’uguaglianza di genere di Svezia e Ungheria in un commento scritto a SVT . “Ci sono differenze politiche, ed è importante essere in grado di condurre una discussione sulla politica senza ricorrere ad attacchi personali”, ha scritto l’autore della similitudine nazista. Strandhäll ha sottolineato che non risponderà alle dichiarazioni di Semjen, ma ha chiesto un maggiore dialogo tra Svezia e Ungheria.

In precedenza, il tweet di Strandhäll è stato bocciato dal Ministero degli Affari Esteri ungherese, che ha convocato l’ambasciatore svedese Niclas Trouvé per una conversazione. Il ministro della famiglia ungherese Katalin Novák ha scritto una lettera aperta a Strandhäll chiedendo scuse ufficiali.

Svezia e Ungheria hanno scelto politiche di immigrazione diametralmente opposte. Mentre la Svezia, una nazione di 10 milioni di persone, ha accolto oltre 200.000 migranti dall’inizio della crisi migratoria dell’Europa, l’Ungheria, con la sua popolazione di dimensioni simili, si è opposta efficacemente all’immigrazione non bianca, che ha colpito Budapest in un aspro conflitto con Bruxelles. Attualmente, un quarto della popolazione svedese è costituita da immigrati, cosa che ha contribuito al tasso di fertilità in Svezia di 1,85 nati per donna. L’Ungheria, al contrario, rimane 93% ungherese, ma ha un tasso di fertilità di 1,45 parti per donna, che è inferiore alla media UE.

Il ministro degli Esteri ungherese ha difeso la rigida politica di immigrazione di Budapest sostenendo che l’immigrazione era “non è un diritto umano”. Il primo ministro Viktor Orban ha affermato che “l’immigrazione è una resa al progetto di sostituzione di popoli”.  Fonte: Sputnik News.com

via Controinformazione