I Gilet gialli contro la “legge Rothschild” che dal 1973 indebita la Francia

A partire dalla legge del 1973, nota come “legge Rothschild”, dal nome della banca da cui è nato (lavorativamente parlando) l’ex presidente della Repubblica, Georges Pompidou, lo Stato è obbligato a passare attraverso il sistema delle banche private per finanziare il proprio debito.

Oggi, Emmanuel Macron, che arriva anch’esso dalla banca Rothschild, non mette ovviamente in discussione la legge, preferendo fare tagli nei bilanci sociali per ridurre il deficit dello stato … 

Come siamo arrivati ​​qui? Nel 1973, dopo 30 anni di creazione monetaria, l’economia francese aveva subito in arresto. Nello spirito dell’ex presidente della Repubblica, Georges Pompidou, e alti funzionari che lo circondarono, la Francia fu ora ricostruita dopo la distruzione della seconda guerra mondiale. 

Sembrava quindi più necessario mantenere i meccanismi che si erano dimostrati utili per il finanziamento delle spese strutturali degli investimenti, soprattutto perché questi meccanismi di creazione monetaria erano stati spesso utilizzati per finanziare il funzionamento quotidiano dello Stato. . 

Dal  1973, il Tesoro non può più presentare i propri effetti allo sconto della Banca di Francia. Chiaramente, lo Stato è condannato a finanziarsi da solo prendendo a prestito, contro gli interessi, dalle banche private, invece di continuare a indebitarsi senza interessi dalla Banca di Francia.

Innanzi tutto, c’era bisogno di proteggere il Paese dall’inflazione e dalle svalutazioni valutarie imponendo una disciplina fiscale. Sembrava auspicabile sia regolamentare le potenziali derive dello stato sia riemergere da un’era di economia gestita istituendo un altro sistema di finanziamento.

Ma il problema è che queste buone intenzioni sono finite nel gioco del mondo della finanza che ha visto rapidamente l’interesse che poteva attingere da un sistema attraverso il quale lo stato doveva passare in prestito. Da questo punto di vista, la legge del 1973 è stata anche il risultato di un’intelligente attività di lobbying bancaria volta a neutralizzare tutti coloro che hanno favorito il sistema finora in vigore.

Questa legge è stata abrogata nel 1994, ma dopo essere stata estesa e rafforzata a livello dell’Unione europea dai trattati di Maastricht (dal 1 ° novembre 1993, dall’articolo 104) e da Lisbona (dal 1 ° dicembre 2009 all’articolo 123) che la Francia applica alla lettera da quella data.

I critici della legge del 1973

Contrariamente alle aspettative degli iniziatori della legge del 1973, il debito pubblico non solo è continuato, ma è aumentato considerevolmente, con lo stato che diventa gradualmente ostaggio di un sistema finanziario privato. 

Lo vediamo oggi in Francia ma anche in Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna, Italia, non sono più gli stati che governano ma la “troika” (Unione Europea, Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale Europea) che sta stringendo sempre più la sua posizione finanziaria sui paesi, specialmente nell’Europa meridionale.

Le critiche a questa legge sono state espresse in particolare da Etienne Chouard che ha preceduto il libro del saggiologo alter-globalista André-Jacques Holbecq “Il debito pubblico, un’attività redditizia”, ​​pubblicato nel 2008.

Il webdocumentario “Money Debt” (documentario sulla creazione monetaria, 2008) di Paul Grignon, critica il fatto che gli stati prendono in prestito denaro e pagano interessi, mentre potrebbero creare denaro. Streaming sul web e su DVD, ci mostra animazioni e spiegazioni chiare su come viene creato il denaro. E contrariamente a quanto si può credere, la moneta creata dallo Stato rappresenta solo il 5% del denaro in circolazione contro il 95% creato da qualcuno che firma un riconoscimento del debito a una banca. 

Gabriel Galand e Alain Grandjean, membri dell’associazione “Disoccupazione e denaro”, creato nel 1992, hanno anche denunciato questa legge in un libro del 1996, “La moneta svelata”, Editions L’Harmattan. 

Nel documentario franco-tedesco di Arte, “Debito, una spirale infernale? », Il potere delle banche di creare denaro dal nulla, contro una promessa di rimborso è anche criticato dal defunto Bernard Maris che ha spiegato in particolare:« Il denaro, che è diventato un bene pubblico – è dire che lo stato gestiva la creazione monetaria – era ancora un bene privato, creato dalle banche, grandi poteri autonomi, negli anni ’70, e dopo che è stato solo amplificato.

E ‘stato anche l’opinione di Michel Rocard che ha ritenuto che questa legge abbia “vietato allo Stato di finanziare interessi senza interessi con la Banca di Francia” e lo ha costretto a “andare a finanziare il mercato finanziario privato per 4 o 5%.

Nel suo libro “The Scam of the Century” del 2012, Nicolas Dupont-Aignan scrive “Come possiamo accettare di aver trasferito la creazione monetaria al settore privato, cioè alle banche private? […] È normale costruire un’autostrada, finanziare la banda larga, prendere in prestito il 3% da banche o obbligazioni mentre la banca centrale presta l’1%? […] Anche se potessimo, come la Francia ha fatto fino al 73 […] per finanziare a un prezzo conveniente le nostre strutture pubbliche? “.

I critici, come Emmanuel Todd, arrivano al punto di considerare che il debito è illegittimo e non dovrebbe essere ripagato.

Figure disprezzate da Emmanuel Macron

Mentre i tassi di interesse sono calati bruscamente negli ultimi anni, in media meno dell’1% o addirittura negativi in ​​certi periodi dell’anno dal 2012, sono stati molto alti in passato.

Negli anni ’80, il tasso di interesse medio a 10 anni era dell’11,9%, negli anni 90 del 6,3%, nel 3,9% degli anni 2000. Nel 2011, i tassi di interesse decennali, in particolare sui titoli di stato greci, hanno raggiunto massimi record del 17,68%! Le tensioni sulla Grecia hanno spinto verso l’alto i tassi degli altri paesi fragili della zona euro: i rendimenti decennali irlandesi sono saliti all’11,31% e quelli del Portogallo al 10,46%.

Nel 1978, il debito pubblico della Francia rappresentava 72,8 miliardi di euro e il 21,2% del PIL.

Nel 1988: 302,8 miliardi di euro e il 33,3% del PIL.

Nel 1998: 787,4 miliardi di euro e il 59,6% del PIL.

Nel 2005: 1147,6 miliardi di euro e il 66,8% del PIL. L’onere del debito (solo pagamenti di interessi) ammontava a 47,4 miliardi di euro, cioè quasi tutta l’imposta sul reddito pagata dai francesi. Questa carica era il secondo elemento di bilancio dello Stato francese, dopo quello dell’Istruzione nazionale e prima di quello della Difesa. 

Nel 2007: 1211,6 miliardi di euro e 64,2% del PIL. Gli interessi passivi ammontavano a oltre 50 miliardi di euro, l’equivalente del deficit pubblico. 

Fine 2013: 1.925,3 miliardi di euro, pari al 93,5% del PIL. 

Alla fine del primo semestre 2014, il debito ha ufficialmente superato i 2 trilioni di euro. 

Alla fine del 2015, quando Emmanuel Macron era ancora ministro dell’economia, industria e digitale, il debito ammontava a 2.098 miliardi di euro!

Alla fine di luglio 2017, il debito ammontava a € 2.226 miliardi (sera € 35.441 pro capite e € 70.882 per famiglia)

Un calcolo preciso rivela anche che dal 1980 al 2008 il debito è aumentato di 1.088 miliardi di euro, gli interessi pagati ammontano a 1306 miliardi di euro! Senza l’interesse guadagnato dai finanzieri privati, il debito pubblico francese sarebbe salito, alla fine del 2008, a 21,4 miliardi di euro invece di 1 327 miliardi di euro! 

Una situazione drammatica che è peggiorata dalla crisi del 2008 quando, volando in soccorso di istituzioni finanziarie, lo Stato è diventato anche il fornitore in prima istanza di queste stesse istituzioni che lo accusano del suo debito e si applicano ad esso di conseguenza. tariffe usuranti. 

Oggi, Emmanuel Macron oscura sistematicamente il problema del finanziamento del debito pubblico attraverso organizzazioni private banking come i “giornalisti di primo piano” che sono apatia, Barber, Calvi, Demorand, Joffrin Lechypre, Lenglet, Pernaut, Pujadas che preferiscono parlare di “il peso insopportabile del debito”, “France in bancarotta”, “i sacrifici necessari da fare”, “la necessità di non vivere al di sopra dei nostri mezzi”, etc.

Così necessaria nelle verità di opinione esposto francesi ed europei che rafforzano l’inevitabilità di austerità e di mettere in discussione il sistema dei creditori privati ​​per finanziare il debito degli stati …

L’articolo I Gilet gialli contro la “legge Rothschild” che dal 1973 indebita la Franciaproviene da Politicamente Scorretto .

POTREBBERO INTERESSARTI: