IERI SENZA DIRITTI, OGGI SENZA LAVORO, DOMANI SENZA PENSIONE: LA “GENERAZIONE MALEDETTA” DEI 30-40ENNI

Commento

Gli ultimi dati Istat dicono che la disoccupazione è scesa in tutte le classi d’età, tranne tra i 35-49enni, dove si concentrano anche i disoccupati da più di un anno. Per loro non è previsto alcun incentivo ad hoc. E ad aspettarli ci sarà una pensione da fame

Non sono più giovani, ma neanche anziani. La generazione di mezzo, che l’Istat incasella nelle sue statistiche nella fascia 35-49 anni, è quella che se la passa peggio. In quest’area, non protetta da sgravi e incentivi ad hoc, si concentra il maggior numero di disoccupati italiani996mila, secondo gli ultimi dati. Quasi un milione tra over 35 e under 50 sono alla ricerca di un lavoro e non lo trovano. E molti finiscono per mollare la presa, visto che in questa fascia non solo calano gli occupati ma aumentano anche gli inattivi (+ 0,2%), quelli che rinunciano pure a mandare curriculum e fare colloqui.

Dopo aver superato il passaggio infernale dell’ingresso nel mercato del lavoro, tra i 35 e i 40 anni ci si aspetterebbe di raggiungere una certa stabilità. «È la fase in cui ti stabilizzi, ma spesso nella condizione in cui sei: se sei disoccupato, resti disoccupato», commenta Francesco Seghezzi, direttore della Fondazione Adapt. Non a caso, in questa fascia d’età si raccoglie il maggior numero di disoccupati di lunga durata. Tra chi ha più di 35 anni e non ha un lavoro, 942mila sono alla ricerca da più di un anno. Quasi un terzo del totale dei disoccupati italiani.

Gli ultimi dati pubblicati dall’Istat, riferiti ad agosto 2017, mostrano come la disoccupazione cala in tutte le fasce d’età, a eccezione proprio dei 35-49enni. E questa è anche l’unica fascia in cui gli occupati non crescono. Rispetto allo scorso anno, tra i 35-49enni quelli con un’occupazione sono 147mila in meno. Anche se dall’Istat precisano che su questa cifra influisce il calo demografico, l’incidenza dei disoccupati nella classe d’età continua ad aumentare. Un bacino abitato da circa 13 milioni di italiani, circa la stessa popolazione della fascia 50-64 anni. Ma tra i più anziani i disoccupati sono 400mila in meno.

continua su Linkiesta

loading...
LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Commenti per questo post