IL MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO RILASCIA LE TESTIMONIANZE DEI MEDICI DELL’OSPEDALE DI DOUMA IN SIRIA

South Front
Sa Defenza

13 aprile, il Ministero della Difesa della Russia ha pubblicato un video che mostra le testimonianze di due medici che erano in servizio in un ospedale di Douma quando il presunto attacco chimico ha avuto luogo nella città siriana il 7 aprile.

Nel video, uno dei due medici “Kahlil al-Jaysh” afferma che nell’ospedale vi erano diversi civili  feriti in un attacco aereo dell’Air Force Araba Siriana (SyAAF) a Douma la mattina dell’8 aprile. Il Dr. al -Jaysh ha detto che l’attacco aereo ha colpito l’ultimo piano di un edificio provocando un incendio. Ciò ha portato al soffocamento di alcuni civili che sono rimasti intrappolati nei piani inferiori dell’edificio.

Mentre i medici stavano curando i civili feriti, un uomo ha urlato, nel pronto soccorso dell’ospedale, che le ferite sono state causate da “un attacco chimico“, e ha generato il caos, stante il dott. Al-Jaysh.

Mentre curava le persone che erano state soffocate dal fumo e dalla polvere, una delle persone presenti ha detto che l’attacco era  chimico,  ha fatto spostare le persone nella zona [dell’ospedale] per trattare i casi come feriti a causa di armi chimiche “Il dott. Al-Jaysh ha detto nel video pubblicato dal Ministero della Difesa della Russia.

Inoltre, i due dottori hanno sottolineato nel video che non c’erano stati sintomi che provassero un uso di armi chimiche. Entrambi i medici sono stati anche in grado di dimostrare la loro presenza nel pronto soccorso dell’ospedale di Douma durante l’incidente tramite un video pubblicato su un comunicato stampa dell’opposizione siriana.

Diversi esperti hanno suggerito prima che dietro la morte delle vittime dell’attacco alla Douma ci sarebbe potuto essere un avvelenamento da monossido di carbonio . L’Osservatorio siriano dei diritti umani (SOHR) ha anche riferito dal primo giorno che l’avvelenamento da monossido di carbonio è stata la causa della morte dei civili che sono rimasti intrappolati in un seminterrato per troppo tempo dopo l’attacco aereo.

Fonti filo-governative siriane hanno osservato che entrambi i medici avrebbero potuto lasciare il distretto di Douma tamite il pass  dell’accordo di evacuazione tra il governo di Damasco e Jaysh al-Islam, ma hanno scelto di rimanere. Ciò rende le testimonianze di questi due dottori più credibili.

via SaDefenza

POTREBBERO INTERESSARTI: