News

Il Portogallo, cioè come l’euro stravolge l’economia di un paese

Una notizia apparentemente secondaria è stata oggi fornita dagli istituti statistici portoghesi: il Paese ha raggiunto un deficit record della bilancia commerciale.

Sono cifre toccate solo al’inizio della crisi dell’euro prima che il governo ntervenisse con le politiche di austerità e di tagli che s sono poi interrotte con le ultime elezioni .

Il problema è che la crescita economica sembra accentuare il disavanzo della bilancia commerciale:

Non avendo possibilità di svalutare il Portogallo, non appena ha un anche lieve miglioramento nel tasso di crescita del PIl (la linea che vedete tratteggiata) inizia a sviluppare un disavanzo commerciale, che sta diventando sempre più consistete. Come mai non è ancora saltato ? Perchè, nonostante tutto, le partite correnti si tengono in un sostanziale pareggio:

In questo la cura austera “Monti style”, pur non efficiente come per l’Italia, ha aiutato, m l’Italia ha visto la propria bilancia commerciale andare in attivo. Cosa mantiene in attivo la bilancia delle Partite Correnti?

  • turismo, per circa 1,2 miliardi;
  • rimesse dei emigrati ,256 milioni.

Il turismo è anche composto dai pensionati che non pagano tasse in Portogallo, o quasi, ma diversi paesi , Italia in testa, stanno prendendo delle contromisure, cme la tassazione al 7% per i pensionati rientranti che vadano a risiedere al Sud.

Il Portogallo ha avuto sempre dei problemi di bilancia commerciale, ma un netto peggioramento vi è stato a seguito della definizione dei regime dei cambi fissi pre euro:

Il Portogallo è il classico paese, preso come esempio dagli europeisti, che ha ben poco da festeggiare per l’entrata nell’euro: paese già fragile con  il cambio fisso ha distrutto la propria possibilità di mantenere un equilibrio, ed ora si trova nella situazione di doversi affidare al turismo a basso costo o ad un’emigrazione della propria forza lavoro per mantenersi. Un altro paese che non ha molto da festeggiare dall’euro.

via Scenarieconomici

loading...