IL PROCESSO DI “DE-DOLLARIZZAZIONE” METTERÀ FINE AL DOMINIO GEOFINANZIARIO USA

Commento

di Rakesh Krishnan Simha

De-Dollarizzazione”: come le sanzioni economiche contro la Russia stanno promuovendo il commercio e la finanza bilaterali, al di fuori del regno del dollaro statunitense

Le sanzioni imposte da Washington alla Russia impongono grandi volumi di scambi e finanziamenti fuori dall’ambito delle reti tradizionali, indebolendo il controllo occidentale su tali flussi.

Le sanzioni occidentali stanno avendo un effetto non intenzionale. Accelerano la nascita di un ecosistema parallelo in cui i paesi emergenti, non alleati dell’Occidente, sono in grado di operare senza la costante minaccia delle sanzioni. Senza controllo occidentale, questa piattaforma alternativa sta guadagnando trazione ad un ritmo sorprendentemente veloce.

Vale la pena ricordare all’inizio che le imprese occidentali hanno un’enorme esposizione sul mercato russo. Al contrario, la Russia è principalmente un esportatore di materie prime come l’olio, il gas, i metalli e i minerali, che sono in grande richiesta – soprattutto nei mercati crescenti dell’Asia . Effetto indotto: mentre i beni di consumo e beni durevoli occidentali possono essere sostituiti da produttori asiatici, le materie prime russe sono il volano delle economie sia in Asia che in Europa.

Mossa dello SWIFT

La spinta verso un mondo non dominato dall’occidente sta accelerandosi più rapidamente nel settore della finanza . Ciò non è sorprendente perché i flussi finanziari sono più facili da reindirizzare – e sostituire – vale a dire, rispetto a una spedizione di carbone o di una petroliera.

Tra le decine di sanzioni dirette contro la Russia, la più estrema è stato proposta dal Regno Unito, che ha spinto i leader dell’Unione europea a bloccare l’accesso russo al sistema di transazioni bancarie SWIFT . Il SWIFT, con sede in Belgio, che rappresenta la Società per la telecomunicazione finanziaria interbancaria mondiale, è una delle arterie del mondo finanziario.

Limitare l’uso di SWIFT per la Russia, senza dubbio avrebbe disturbato le attività finanziarie e commerciali del paese, ma secondo Richard Reid dell’Università di Dundee in Scozia potrebbe portare un downside a più lungo termine. “Un grossa parte di flussi di pagamenti internazionali russi si sposterà verso canali finanziari molto meno monitorati e misurati e pertanto sarà al di là delle sanzioni in qualsiasi programma futuro”, ha detto a Bloomberg News.

Anche se il cancelliere tedesco Angela Merkel ha respinto rapidamente la proposta britannica come troppo estrema, il danno è stato fatto. Ora è abbastanza chiaro a Mosca che i “gemelli cattivi” degli Stati Uniti-Regno Unito non sono contenti di sanzioni simboliche ma sono veramente protesi per distruggere l’economia russa. Anticipando questo colpo nella sua giungla finanziaria, la Russia aveva in luglio elaborato una legge con l’obiettivo di creare un sistema equivalente locale allo SWIFT .

Le sanzioni hanno anche evidenziato la sinergia tra Russia e Cina. Vesti Finance riferisce che le sanzioni volte a limitare l’accesso russo alle finanze non avranno quasi alcun senso, poiché le società russe troveranno i soldi necessari in Cina. E i cinesi desiderano aumentare l’impatto del renminbi e trasformare questo nella valuta di riserva del mondo. Un effetto boomerang quindi per la supremazia del dollaro.

De-dollarizzazione

Il passaggio a un sistema di pagamento parallelo avviene parallelamente all’abbandono del dollaro statunitense, sistema in cui naviga l’intera economia statunitense – e l’egemonia finanziaria USA- segue in posizione dominante. Lo status del dollaro come valuta di riserva è dovuto all’essere questa l’ unica valuta accettata nel mercato petrolifero , e per questo è anche conosciuto come il petrodollar. Il rischio è quello che in buona parte di questo mercato si verifichi una de-dollarizzazione a favore del renminbi cinese.

Alcuni paesi stavano per cambiare, come la Russia e altre potenze emergenti stavano già progettando di abbandonare il petrodollaro e di porre fine allo status del dollaro come moneta di riserva . Ma poiché il dominio del dollaro è così schiacciante nel commercio del petrolio, richiederebbe qualcuno davvero grande per abbatterlo.

Quel player possente potrebbe essere la Gazprom. Kommersant riferisce che la compagnia petrolifera russa ha iniziato a trasportare petrolio dall’Artico e che le navi cisterne arriveranno in porti europei questo mese, con pagamento da ricevere in rubli . Gazprom fornirà anche petrolio attraverso l’ oleodotto orientale della Siberia orientale (ESPO) , accettando il pagamento in renminbi cinese.

Il portale finanziario Zero Hedge afferma : “La Russia sta spingendo attivamente con il piano di colocare il dollaro nelle vecchie abitudini e sostituirlo con un sistema privo di dollari ovvero un mondo de-dollarizzato”.

Citando la voce della Russia, Zero Hedge afferma che il ministero delle Finanze del Paese è pronto a mettere in luce un piano per aumentare radicalmente il ruolo del rublo nelle operazioni di esportazione riducendo la quota di transazioni denominate in dollari.

Come dice Zero Hedge, “più l’Occidente antagonizza la Russia, e più decreta le sanzioni economiche che lambiscono, tanto più la Russia sarà costretta a sottrarsi da un sistema commerciale denominato in dollari americani e impostarne uno che riguarda anche la Cina e l’India”.

Vale la pena ricordare che il contratto di fornitura gas per 400 miliardi di dollari della Siberia con la Cina – che Mosca e Pechino avevano stipulato da un decennio – è finalmente entrato in vigore nel maggio 2014, dopo che le sanzioni occidentali sono state decretate.

Militare: Quella sensazione di affondamento

È un indicatore della poca dimensione del pensiero strategico in Francia e in Germania che sono così facilmente influenzati dal duo US-UK combinare con i contratti militari già stipulati con la Russia. Le sanzioni incorporate da parte, la violazione del contratto è garantita per allarmare altri acquirenti.

Se la Germania e la Francia stanno progettando di allontanare i propri clienti dalle forniture di armi, allora stanno facendo un ottimo lavoro. Ma guardalo in questo modo: forse è proprio ciò che gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno pianificando per tutto il tempo – per attirare acquirenti disillusi.

Nell’ambito della sua modernizzazione militare, la Russia aveva assunto la Rheinmetall della Germania per costruire una moderna struttura militare di formazione. Ma sotto pressione degli Stati Uniti, la Germania aveva annullato il contratto di 134 milioni di dollari. La relazione di strategia dice che la Russia può rivolgersi alla Cina per ottenere il centro di formazione già costruito in quanto la Cina ha ottenuto – o piuttosto acquistato – la tecnologia e costruito la propria.

” La crescente lista delle sanzioni contro la Russia ha colpito particolarmente l’industria delle armi russe, poiché le armi russe dipendono dai fornitori occidentali per alcuni dei componenti ad alta tecnologia necessari”, dice Strategy Page. “La Cina sta approfittando di questo fatto sottolineando che è diventato un importante produttore di componenti elettronici e meccanici di fascia alta e probabilmente può sostituire i fornitori occidentali ora non disponibili per le sanzioni. Mentre la Russia non acquista molte armi straniere, acquista un sacco di componenti high-tech (specialmente elettronici) provenienti dall’Occidente. Molti di questi articoli sono articoli a doppio uso che la Cina e altri paesi dell’Asia orientale fabbricano. La Cina sostiene la Russia (si muove in Ucraina) ed è ostile alle sanzioni (a cui stato sottoposta per diversi decenni). Pechino ritiene che possa sostituire abbastanza fornitori occidentali in Russia per creare circa 1 miliardo di dollari all’anno in attività aggiuntive per le imprese cinesi “. Un vero bengodi per l’industria cinese.

Allo stesso modo, l’India sta assistendo- con un mix di divertimento e di sgomento – alla Farancia obbligata dagli Stati Uniti a lasciar affondare il suo contratto per la Mistral di 1,6 miliardi di dollari con la Russia . La Francia è stata un fornitore affidabile di sistemi di combattimento di qualità e non ha mai affrontato un accordo con l’India. Tuttavia, era in passato quando la Francia ancora non aveva optato per la NATO. Con Parigi che ora sta sincronizzando la sua politica estera con i signori della guerra a Washington, l’esercito indiano dovrebbe ritenere poco affidabile la tecnologia Made in France.

Perdita di peso per l’Occidente

Mentre gli Stati Uniti e l’Unione Europea navigano nel buio, c’è notevole attività nei paesi alleati della Russia. Oltre ai movimenti guidati dal mercato (esportatori di prodotti alimentari provenienti dall’Asia che corrono per riempire gli scaffali russi di supermercati) ci sono mosse strategiche in atto. Ad esempio, gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno un monopolio sugli aeromobili di grandi dimensioni e dominano anche le categorie delle medie. Le sanzioni sono solo la spinta necessaria per accelerare le joint venture di aviazione, in particolare tra la Russia e la Cina negli aeromobili di grandi dimensioni e la Russia e l’India in aerei di medie dimensioni .

Il concetto di “Mondo senza l’Occidente” è stato articolato per la prima volta dagli accademici americani Steven Weber, Naazneen Barma e Ely Ratner. “Preferendo approfondire i propri legami tra di loro e in tal modo allentare relativamente i legami che li legano al sistema internazionale centrato in Occidente, le potenze in aumento stanno costruendo un sistema alternativo di politica internazionale il cui fine non è né il conflitto né l’assimilazione con l’Occidente ,” dicono.

Quindi, in effetti, i paesi emergenti, non giocando con le regole e con i sistemi fissati dall’Occidente stanno creando un accordo alternativo in cui non entrano in situazioni di conflitto con l’Occidente né entrano in alleanze sottomesse (come quelle offerte alla Corea del Sud e al Giappone).

Fra alcuni a partire da adesso , gli occidentali ritorneranno indietro a considerare le sanzioni come il punto di inflessione che ha inaugurato un mondo senza l’Occidente.

Fonte: Oriental Review

Traduzione: Alejandro Sanchez – Controinformazione

loading...
LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Commenti per questo post