LA FRANCIA È IN FIAMME! I GIORNALONI ANNEBBIANO LA NOTIZIA. PERCHÉ?

Provate a immaginare che a Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli e nelle altre principali città italiane ci siano manifestazioni di gente imbufalita perché non ce la fa più a sopportare una vita fatta di stenti e precarietà.

Provate a immaginare che in queste manifestazioni ci siano morti, feriti e centinaia di arresti, macchine date a fuoco.

Non basta! Provate a immaginare che anche un sindacato di polizia, ancorché minoritario, proclami addirittura di voler solidarizzare con i ‘Gilet Gialli’ e inviti allo sciopero i suoi aderenti già da sabato, a partire da quelli che stanno al centro della macchina statale, e cioè dei funzionari del Ministero dell’Interno.

Oppure che anche i poliziotti facciano vedere apertamente di stare dalla parte dei cittadini che protestano sfilandosi il casco davanti ai gilet gialli, sommersi dagli applausi.

Ma non basta ancora!

Provate a immaginare che i pompieri in una manifestazione ufficiale sfregino Macron voltandogli le spalle.
Provate a immaginare che tutto questo succeda in Italia.

Con due scenari temporali diversi. Come coprirebbero, giornali, TV, web, radio, queste notizie?

Primo scenario, durante il regno di Giorgio Napolitano, che ha fatto carta straccia della Costituzione inventandosene una tutta sua, con Renzi premier. Avrebbero minimizzato le notizie affogandole nel calderone. In pratica avrebbero applicato una vera e propria censura.

Secondo scenario, ora, nel legittimo esercizio del poteri costituzionali del Governo Conte. Avrebbero amplificato al massimo: paginone a non finire, talk speciali dedicati, le homepage che non parlano d’altro, radio che 24 ore su 24 riportano le stesse notizie: tutti a drammatizzare, tutti a cercare di creare il panico. Ci toglierebbero il respiro.

Ecco in che cosa consiste il doppio standard nel dare notizie: un esempio pratico di applicazione della teoria.
Questo è un esempio di una situazione ipotetica.

Ma quello che sta succedendo in Francia è un qualche cosa di drammatico, di cui ci stanno nascondendo l’ampiezza e la profondità. Una vera e propria azione di depistaggio ben studiata. In quanto, non è che non danno le notizie, ma le danno in maniera tale da non far comprendere la realtà vera della situazione.

Perché?

Primo, per banale sciatteria e servile ossequio al presidente francese Emmanuel Macron, che loro sentono politicamente vicino in quanto ha realizzato le stesse politiche liberiste a favore delle elite, di una ristrettissima grassa e tronfia cerchia di persone, ampliando le loro già esagerate ricchezze. Con il risultato di ampliare sempre di più il numero di cittadini in stato di indigenza e di esasperarne le difficoltà. Né più né meno di quello che stava succedendo in Italia con i precedenti governi fino a Gentiloni.

Secondo, ma molto più importante, perché indurrebbe la buona parte del popolo italiano che vive nel disagio economico e nell’emarginazione sociale e culturale a solidarizzare con i ‘Gilet Gialli’ transalpini. Ma soprattutto a pensare che la loro ribellione che li ha portati a votare per il cambiamento dando un consenso fuori di ogni previsione a favore del Movimento 5 Stelle era la scelta migliore che potevano fare. Insomma chi ha dato il voto ai 5 Stelle si vedrebbe confermato e rafforzato in quella decisione politica.

Se non ci fosse stato il Movimento 5 Stelle a interpretare e a farsi carico dell’esasperazione di buona parte del nostro popolo, ora qui in Italia la situazione dell’ordine pubblico sarebbe molto peggiore di quella in cui si trova la Francia.

Dover sentire Lor Signori che vorrebbero continuare la perpetuazione all’infinito di politiche che ci hanno ridotto in miseria, dimostra ancora una volta come chi sta nella bambagia si fa cieco per non vedere chi non possiede neanche il necessario per vivere.

Ecco perché odiano il Movimento 5 Stelle, ecco perché vanno a cercare, senza peraltro neanche trovarla, la pagliuzza negli occhi di Luigi Di Maio e degli esponenti più in vista del Movimento e non vedono la trave nei loro. Una trave che li acceca.

Guarda il video:

via Silenzi e Falsità

POTREBBERO INTERESSARTI: