La risposta di Putin agli americani è pronta: le tesi principali del discorso di Putin in una riunione del consiglio del ministero della Difesa

Il presidente russo Vladimir Putin durante una riunione del consiglio della Difesa ha definito i compiti principali delle forze armate del paese per il prossimo anno. Secondo il Capo dello Stato, la priorità è quella di rafforzare ulteriormente il potenziale di combattimento delle forze strategiche nucleari.

“La triade nucleare, che svolge un ruolo chiave nel mantenimento della priorità globale, si è considerevolmente rafforzata. La quota di armi moderne qui è dell’82%. Sono state compiute serie iniziative rivoluzionarie nello sviluppo delle armi più nuove e senza eguali del mondo, menzionate nel messaggio all’Assemblea federale il 1 ° marzo di quest’anno “, ha sottolineato il leader russo.

Un editorialista militare della Komsomolskaya Pravda, il colonnello in pensione Viktor Baranets , che era presente personalmente al college, in una conversazione con un corrispondente dell’agenzia di stampa federale ha analizzato le tesi principali di Putin. Ha osservato che non solo il Presidente, ma anche il Ministro della Difesa della Federazione Russa, Sergei Shoigu , ha notato nel suo discorso: la Russia ha già i mezzi per neutralizzare non solo l’americano, ma anche qualsiasi potenziale nucleare.

“Sia Shoigu che Putin hanno elencato quelle armi che sono state nominate il 1 ° marzo di quest’anno in un messaggio all’Assemblea federale. Fondamentalmente era stato stabilito che parte dell’attrezzatura da combattimento fosse già stata adottata.

Perché Putin e ha detto in conclusione che non richiede da noi alcun enorme sforzo e costi finanziari. Se gli americani si ritirano dal trattato INF, la risposta è pronta per loro “, dice un esperto militare.

La risposta agli americani è già pronta: l’esperto militare ha analizzato le tesi principali di Putin dalla riunione del consiglio del ministero della Difesa

Separatamente, il presidente si è concentrato sulle esercitazioni militare. A questo proposito, è necessario alzare il livello di anno in anno e agire secondo un modello, sottolinea Putin. Naturalmente, una delle regioni chiave è l’Artico.

“Stiamo conducendo esercitazioni nell’Artico, cercando di tenere conto delle caratteristiche delle basse temperature il più possibile. Vedete, abbiamo dal patron all’aeromobile e al rompighiaccio – la produzione di tutto questo tiene conto delle caratteristiche artiche. Abbiamo anche dimostrato alcune di queste armi al 9 maggio Victory Parade. Se una guerra scoppia nell’Artico, avrà le sue caratteristiche.

Sicuramente devono spostare personale e fare lunghe marce. Per questo abbiamo potenti nuovissime motoslitte. Non c’è un fragile rompighiaccio che lavora lì, come gli americani, che avevano paura di spedire lì le truppe – abbiamo dieci volte più rompighiaccio nell’Artico “, spiega Viktor Baranets.
Nell’Artico, la fonte continua, ci sono pochi punti di riferimento, e questo deve essere preso in considerazione, anche quando si pianificano esercitazioni. Inoltre, la Russia sta lavorando attivamente per creare infrastrutture chiave in una regione strategicamente importante.

“Stiamo lavorando attivamente allo sviluppo di nuove basi, abbiamo centri efficienti, una guarnigione conforme agli stadard richiesti. È necessario prendere in considerazione un altro aspetto: gli americani ora lamentano che la Russia è dieci passi avanti nello sviluppo dell’Artico. Hanno già provato a condurre un paio di esercitazioni lì, ma con piccole forze.

Inoltre, un altro problema divampa. C’è la rotta del Mare del Nord e abbiamo detto che se saremo sotto pressione per sanzioni, allora avremo tutto il diritto di controllare il corridoio. Sarebbe un duro colpo economico per quei paesi che inviano le loro navi attraverso la rotta del Mare del Nord “, ricorda l’analista militare.

La cosa più importante a cui ha prestato attenzione: la Russia è saldamente stabilita nell’Artico, e il Ministero della Difesa suona il primo violino che attesta questo processo.

Putin ha anche notato lo sviluppo attivo del sistema di istruzione militare nel paese. Viktor Baranets ha ricordato che il sistema di educazione militare era “febbricitante” durante i tempi dell’ex ministro della Difesa Anatoly Serdyukov. Con lui si sono verificate troppe trasformazioni dubbie in quest’area.

“Ricordo di aver detto un ammiraglio americano che una volta disse:” Non abbiamo paura di missili nucleari russi, abbiamo paura di istruzione militare russa. Ho passato due scuole militari – sia la scuola che l’accademia, ho visitato molti paesi e posso dire che nessuno era al nostro livello. Non li abbiamo visti con il binocolo per la qualità dell’istruzione “, ricorda l’esperto.

Inoltre, ha detto: “Serdyukovshchina” ha avuto inizio: riforme dubbie, cambiamenti nei metodi di insegnamento.

“Ora, grazie a Dio, stiamo lentamente iniziando a tornare alle posizioni che erano una volta – abbiamo un grande personale docente. Ma devo dire che ai tempi di Serdyukov fu dato un potente colpo alla scuola militare russa. I nostri eccezionali centri e accademie militari sono stati rimossi dalle loro sedi per decenni, uniti, trasferiti ad altri centri. Più tardi, molti scienziati militari fecero una proposta alla direzione del Ministero della Difesa che era necessario cambiare radicalmente il sistema di educazione militare.

E questa riforma viene attuata, soprattutto in termini di informatizzazione e introduzione di nuovi metodi. Abbiamo bisogno di un livello ufficiale completamente diverso rispetto a 10-15 anni fa. Penso che non fosse per niente al passo e che hanno avuto l’idea di ripristinare la principale direzione militare-politica. Questo è molto corretto “, ha concluso Viktor Baranets. Fonte:

Riafan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione

POTREBBERO INTERESSARTI: