L’EUROPA DEI SALOTTIERI È FINITA

La sinistra ha tradito il suo mandato popolare, e i filoeuropeisti moderati annaspano

di Andrea Lorusso

C’è una narrazione che non funziona più, ed il sigillo delle Politiche italiane ha dato l’epitaffio alle giaculatorie “della responsabilità”, la storiella del lupo cattivo sovranista che sbrana la stabilità dei conti è una tiritera che ha esaurito il suo terrorismo psicologico.

A conclusione del Congresso del Front National, dove Marine Le Pen ha fatto il suo discorso programmatico per il futuro, sottoponendo al voto degli iscritti un cambio di nome in: “Rassemblement National” (Unione Nazionale), spende parole per l’elogio funebre del PD: “Matteo Renzi quattro anni fa sembrava il giovane che avrebbe cambiato l’Italia, come Emmanuel Macron spera di cambiare la Francia e l’Europa. Segno annunciatore, assistiamo in questi giorni alla caduta del Macron italiano.”

Eppure il “Macron italiano” non s’arrende, anzi, rosica per i programmi altrui: “(…)Ci sono anche quelli che si chiedono quanto tempo impiegherà Salvini a cancellare la Fornero o fermare quella che lui ha demagogicamente chiamato l’invasione o fare la tassa unica al 15%. Sono cittadini che chiedono ai leader di rispettare le promesse delle elezioni. Bene. Erano proposte irrealizzabili, ma adesso saranno loro a doverci mettere la faccia.”

Nel mentre vola a Parigi Steve Bannon, l’ex ideologo di Trump che fu determinante per la vittoria nelle Presidenziali Usa: “Se Salvini governerà con i cinquestelle sarà lui la forza trainante, se Salvini resterà all’opposizione potrà rivendicare il merito di aver sconfitto i corrotti come Berlusconi, se vi sarà un governo di unità nazionale sarà sempre Salvini ad imporre gli obiettivi a cuore al ceto medio. Nel futuro d’Italia c’è la Lega, che strapperà voti al Sud ai cinquestelle grazie alle posizioni sui migranti.”

Carroccio caput mundi, i popoli si ribellano alle oligarchie burocratiche e mandano segnali inequivocabili all’establishment, alle cancellerie, ai demiurghi del pareggio di bilancio ed agli spessi quanto inopportuni richiami ad una politica sobria, che più che equa pare depressa, con una moneta unica al collo che fa da corda al suicidio economico.

via Il Populista

POTREBBERO INTERESSARTI: