M5S-LEGA, SPUNTA LA LEGGE ANTI MASSONI CARICHE PUBBLICHE: NIENTE AFFILIAZIONE

Governo: bozza M5s-Lega, divieto per i massoni nell’esecutivo

Nell’ultima versione della bozza di contratto tra Movimento 5 stelle e Lega resta il divieto per i massoni a far parte dell’esecutivo giallo-verde.  Nel definire un “Codice etico dei membri del Governo”, i pentastellati e i leghisti mettono in chiaro che “non possono entrare a far parte del governo soggetti che abbiano riportato condanne penali, anche non definitive, per i reati dolosi di cui all’articolo 7 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (legge “Severino”), nonche’ per i reati di riciclaggio, auto-riciclaggio e falso in bilancio; siano a conoscenza di indagini o siano sotto processo per reati gravi (ad esempio: mafia, corruzione, concussione, etc.); appartengano alla massoneria o si trovino in conflitto di interessi con la materia oggetto di delega”.  Il divieto all’affiliazione non riguarderebbe  però solo la presenza nell’esecutivo ma anche la concomitanza con altre cariche pubbliche.

via Affaritaliani

POTREBBERO INTERESSARTI: