MA QUALE RIPRESA, IN ITALIA UN BAMBINO SU 8 VIVE IN CONDIZIONI DI POVERTÀ ASSOLUTA

Commento

Un bambino su otto in Italia vive in delle condizoni di povertà assoluta. Secondo un rapporto di Save the Children in totale sono ben 1 milione e 292 mila (il 14% in più rispetto al 2016).

I genitori di questi bambini – si tratta di 669 mila famiglie -hanno a disposizione solo 40 euro al mese da investire nella cultura dei figli, mentre sono poco più di 7 euro i soldi che possono spendere per l’istruzione. A questi dati allarmanti si somma il problema della scuola che non sempre riesce a colmare le disparità socio-economiche. Un 15enne su 4 – ovvero il 27,4% – è ripetente, mentre un 15enne su 2 non raggiunge nemmeno il livello minimo di competenze in lettura.

Gli alunni italiani più ansiosi

Con solo il 4% del Pil nazionale speso nel settore dell’istruzione, contro una media europea superiore di quasi un punto percentuale (4,9%), non è facile per la scuola pubblica italiana offrire una risposta adeguata alle problematiche che incontra. E una scuola non a misura di bambino genera negli alunni una forte apprensione. Gli studenti italiani, insieme a quelli portoghesi, sono infatti al primo posto nell’indice elaborato dall’Ocse sull’ansia scolastica. Il 56% studia con grande tensione; il 70% prova molta ansia prima di un test anche se preparato.

Bimbi sempre connessi

In Italia quasi un 15enne su 4 risulta collegato a Internet più di 6 ore al giorno, ben al di sopra della media Ocse ferma al 16,2%. L’età in cui un bambino riceve il primo smartphone è scesa a 11 anni e mezzo. Il fatto ancora più inquietante è che di conseguenza sono moltissimi i ragazzi ( 6 su 10 tra i 6 e i 17) che non arrivano a svolgere, in un anno, quattro delle seguenti attività culturali: lettura di almeno un libro, sport continuativo, concerti, spettacoli teatrali, visite a monumenti e siti archeologici, visite a mostre e musei, accesso a Internet.

Fonte: qui

loading...
LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Commenti per questo post