News

MACRON, IL FIGLIOCCIO DEI ROTHSHILD INCARICATO DI DISTRUGGERE IL NAZIONALISMO FRANCESE, INVOCA IL NAZIONALISMO EUROPEO

Per essere onesti, non abbiamo letto interamente – abbiamo appena sorvolato – la tribuna pubblicata dal Presidente il 4 marzo 2019 e per una ragione molto semplice: questo furfante è pronto a dire tutto e il suo opposto a rimanere al potere. I politici hanno sempre mentito, è parte della carica, ma alcuni lo fanno con talento, o con coerenza. Non lui. Meglio prendere quello che verrà per stare in piedi ed attendere.

Con Macron, siamo ormai sulle montagne russe. Ha enunciato in generale il contrario di quello che fa (vedi le leggi che distruggono la protezione sociale), e fa il contrario di quello che dice.

La Francia perde ogni giorno un po ‘di più della sua sovranità, e vorrebbe farci credere che l’inserimento nella grande e bella entità europea ripristinerà alla Francia la grandezza che merita. Questo è ovviamente l’opposto di quanto accadrà, perché esattamente il contrario si sta verificando: la Francia ha ceduto la sua difesa (la sua ultima sovranità) agli Stati Uniti attraverso la NATO e la sua gestione economica alla Germania attraverso l’UE. Barra dei punti. 
Dopo di che, il piccolo presidente può dire quello che vuole, i fatti ci sono. Vende la Francia a pezzi, tranquillamente, cercando di addormentare la gente con frasi bellissime. Sì, ma ora anche le sue piume da pavone sono tagliate. Ciascun francese combatte il palazzo presidenziale le cui mura trasudano la fine del regno. Anche se Macron termina il suo mandato, non tiene più le redini, né dentro né fuori. Ha provocato un caos sociale, che gestisce con una feroce repressione: quest’uomo è un dittatorello scarsamente camuffato da democratico. I francesi sapranno come ricordarlo.

Per quanto riguarda gli annunci “macroniennes”, che assomigliano fortemente un annuncio fasullo, un buon posto, con foto a mosca, il testo ipervenduto e prezzo imbattibile, il signore che sente il bisogno di protezione e di sovranità in tutto il mondo, i sostenitori dicono della ” Sicurezza europea “e una” preferenza europea “. Che ipocrisia! L’Europa economica non ha difese contro l’invasione della macchina da guerra americana – ecco perché gli americani diedero un famoso aiuto alla creazione dell’Europa con i loro uomini dopo il 1945 – e nessuna difesa contro la macchina da guerra globalista (vedi le invasioni di Soros che il trattato di Marrakech vuole istituzionalizzare). Le chiacchiere sul ” Rinascimento europeo ” valgono zero. Da questa entità porosa e schifosa, la Francia si ritirerà.

Questo tipo di salto di retorica falsamente nazionale, ma di alto globalismo a livello di Europa dei 27, esattamente quello che vuole il suo amico e consigliere, il massone sionista Attali, non salverà i glutei della socialdemocrazia che ha tradito i popoli ovunque, dall’Italia alla Francia, alla Grande Germania, dal momento che dobbiamo dire le cose come sono. Macron vuole combattere contro il ” ritiro nazionalista ” “, che rende possibile dare un calcio alla putrescente decadenza globalista. Nazionalismo, questo è per Macron il nemico! E per tirare fuori in sostanza il pretesto del colpo di stato del nazionalismo vuole la guerra, quindi la morte, la disoccupazione e la miseria, così anche la morte, la doppia morte, tanto da non poter fare peggio il piccolo francese. Tuttavia è il capitalismo finanziario, di cui Macron è uno dei più effettivi rappresentanti, quello che distrugge coscienziosamente le nazioni e le loro ricchezze, lo sappiamo tutti.

Gilet Gialli contro Macron

La soluzione del banchiere Macron è una ” Conferenza per l’Europa ” incaricata di ” proporre tutti i cambiamenti necessari … senza tabù, nemmeno la revisione dei trattati “. Ci crediamo! Tre pennellate su un trattato di cui gli europei non capiscono la trappola e il trucco è giocato, esattamente il metodo del “grande dibattito nazionale” che non è né dibattito né nazionale, mentre rappresenta solo un interminabile monologo di un personaggio decaduto. Non commenteremo nemmeno la preferenza europea quando sappiamo che la formazione del colosso Siemens-Alstom è stata riproposta dalla Commissione con lo stesso nome. Un esempio, tra l’altro, di quanto l’Europa sia un’esca. La competizione è esacerbata dai membri e la debolezza politica dell’insieme gli impedisce di resistere ai colpi di stato cinesi e americani.

Il culmine si raggiunge quando, il distruttore della protezione sociale in Francia, un modello internazionale che dovrebbe ispirare tutti i paesi, canta le lodi di uno ” scudo sociale ” europeo … mentre i paesi con una forte protezione sociale scivolano verso quelli che non ne hanno una o che ne hanno molta di meno. Le parole del presidente sono una cosa, il capitalismo transfrontaliero è un altra cosa. Naturalmente, non faremo commenti sul bavaglio che è la creazione di una ” Banca europea del clima ” per finanziare la ” transizione ecologica “. Quando vediamo chi è stato inserito in questo post, uno scioccante globalista che fa parte dell’oligarchia, diciamo che il verme è nel frutto e che la menzogna non ha paura di nulla.

Alla fine, Macron ha ripetuto il colpo di sceneggiata prendendo di mira i russi che sarebbero stati al timone dietro ogni elezione, compresa quella del 26 maggio. Il suo discorso di ” democrazie europee sotto protezione di agenzia ” incaricata di proteggere i membri contro ” il cyber attacchi ” e la ” manipolazione ” dovrebbe innescare una tempesta di risate: se le nazioni europee votano in modo sbagliato, bisogna capire che il nazionalismo necessariamente mette sotto pressione l’Europa, la colpa è dei Russi, come abbiamo visto chi sia il protagonista nella maggior parte delle manipolazioni delle informazioni . Il suggerimento finale fornisce indicazioni sulle stanze posteriori del CRIF (“Conseil Représentatif des Institutions Juives de France” ) :

“Dobbiamo bandire tutti i discorsi di odio e violenza da Internet, dalle regole europee”.

Tu Macron, sei piuttosto quello che fa la pratica dell’odio e della violenza, cocco: tu odi la Francia fino al punto di distruggerla e colpisci violentemente la sua gente che vuole difenderla!

L’uomo delle Lobbies e dei Mercati finanziari sta cercando di salvare il suo posto, è una bella guerra. Ma cosa rimane? Poche sterline di bugie che i francesi non vogliono inghiottire, nemmeno con manganelli, LBD e con il gas. Oh, non il gas di Ruth e le sue amiche, ma gas comunque. Il presidente che ha solo la democrazia in bocca fa irrorare gas sulla sua gente, e questo è sufficiente per squalificarlo per sempre. I suoi cinque anni sono morti con l’occhio perduto di una donna innocente. Chi parla di indipendenza europea sarebbe più credibile se fosse già indipendente dalle reti che lo detengono. Precisamente, questo è l’ordine di mobilitazione anti-nazionale della famiglia reale Klarsfeld, che abbiamo già fatto nel 2018. Esso contiene il midollo di discorsi fasulli e soluzioni tecno fantoccio dell’Eliseo. La Francia dice Basta!

Fonte: Egalitù et Reconciliation

Traduzione: Macel Benoit

Tratto da Controinformazione