MATTARELLA COME NAPOLITANO ATTACCA I POPULISTI E BLINDA L’UE: “IL SOVRANISMO NAZIONALE È UN INGANNO”

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole (Firenze), dove questa mattina ha inaugurato l’ottava edizione della conferenza europea “The State of the Union”. Nel corso della giornata alla Badia Fiesolana, Mattarella incontrerà i capi di stato di Irlanda, Portogallo e Grecia. “Mai come oggi appare urgente unire”, ha esordito, parlando sia della Ue sia della situazione istituzionale italiana. “La diffusa mancanza di consapevolezza sui risultati raggiunti dalla Ue è fuori dalla storia”, ha aggiunto, riferendosi ai tanti antieuropeisti che in questo periodo criticano l’operato della Ue.

E ha aggiunto: “Pensare in Europa di potercela fare da soli è pura illusione, oppure è un inganno consapevole delle pubbliche opinioni”, perché “la solidarietà è stata agli inizi e deve tornare ad essere sostanza attiva, motrice del processo di integrazione dell’Unione europea”. Per il capo dello Stato inoltre “c’è chi dinanzi al lavoro gravoso che c’è da fare in Europa, cerca in formule ottocentesche soluzione ai problemi degli anni Duemila”. Questo passaggio non è molto chiaro: a chi si riferisce il presidente? Davvero non appare che il Regno Unito sia fuori dalla storia, e così la pensa anche la maggioranza dei cittadini di Sua Maestà.

E ha concluso il suo pensiero: occorre “avviare la riscoperta dell’Europa come un grande disegno, sottraendoci ai particolarismi e a narrative sovraniste capaci di proporre soluzioni tanto seducenti e pronti ad attribuire la loro inattuabilità alla stessa Unione”. A voler essere maliziosi, sembra proprio un intervento a gamba tesa mentre si sta faticosamente raggiungendo un accordo per il nuovo governo.

Con fonte Il Secolo D’Italia

via riscattonazionale.org

POTREBBERO INTERESSARTI: