ORA TOCCA A DRAGHI BACCHETTARE L’ITALIA: “DANNI DA PAROLE DEL GOVERNO”

Dopo Moscovici, pure il presidente Bce punta il dito contro l’esecutivo: “Dal governo solo parole che hanno fatto danni”

Dopo il commissario Ue Pierre Moscovici – secondo cui l’Italia è “un problema” per l’area euro -, pure Mario Draghi striglia il governo.

“Le parole negli ultimi mesi sono cambiate diverse volte, ora aspettiamo i fatti”, ha detto il presidente della Bce. Che poi ha aggiunto: “Finora sfortunatamente le parole hanno creato dei danni”. Il riferimento è allo spread: “I tassi di interesse sono saliti per le famiglie e per le imprese”, ha spiegato.

Poi ha richiamato l’esecutivo al mettere nero su bianco i provvedimenti economici. “Il fatto principale è la bozza della legge di bilancio e la discussione che il Parlamento farà su essa“, ha esortato, “Dobbiamo vedere come avverrà e di conseguenza si regoleranno gli investitori. La Banca centrale europea si atterrà a ciò che hanno detto il primo ministro italiano, il ministro dell’Economia e il ministro degli Esteri, e cioè che l’Italia rispetterà le regole“.

via Il Giornale

POTREBBERO INTERESSARTI: