ORGANIZZAZIONE PERFETTA PER IL MONDIALE. ORA È PALESE A TUTTI: LA RUSSIA È RINATA

MOSCOW, RUSSIA - JUNE 14: General view inside the stadium during the opening ceremony prior to the 2018 FIFA World Cup Russia Group A match between Russia and Saudi Arabia at Luzhniki Stadium on June 14, 2018 in Moscow, Russia. (Photo by Clive Rose/Getty Images)

La vera vincitrice del Mondiale è la Russia, poco da fare. In questo mese in cui ci ha tenuto compagnia nei palinsesti televisivi, ne abbiamo visto le capacità organizzative e di sicurezza. A dir poco eccellenti.

Nessuna notizia di scontri tra tifoserie avversarie, di danni di facinorosi a beni privati e dello Stato. Solo un clima accogliente, fatto di educazione e cordialità. Per averne la conferma è sufficiente rivedere le interviste e le testimonianze dei tanti tifosi o turisti occasionali giunti lì. Sorrisi, contentezza, soddisfazione per l’eccellente organizzazione e la maniacale preparazione.

Sfruttando questo importante trampolino di lancio, il grande Paese si proietta definitivamente verso un futuro brillante. Complice anche il bilaterale di oggi avvenuto ad Helsinki con Donald Trump. La bozza stipulata per un accordo di pace, infatti, gli garantisce il ruolo di potenza capace di determinare gli equilibri geopolitici. Una lungimirante strategia, che parte dal triennale sostegno a Bashar al-Assad in Siria e arriva alla proposizione di soluzioni condivise a partner geopoliticamente agli antipodi in Medio Oriente.

L’illusione antistorica di quell’unipolarismo occidentale senza freni auspicato da autentici venditori di fumo si è schiantata con un continuo e progressivo rafforzamento di un assetto globale multipolare. I ricordi di Michail Gorbačëv che abbozza a Ronald Reagan sulla Piazza Rossa di Mosca, il 31 maggio 1988 sono lontani. Così come quelli della shock therapy che, durante la presidenza di Boris Eltsin, le oligarchie implementarono a braccetto con Harvard e il Dipartimento di Stato USA. Oggi è un nuovo inizio. Auguri, Россия!

(di Davide Pellegrino) – Oltre la Linea

POTREBBERO INTERESSARTI: