PARLA L’EX CAPO DELLA STRATEGIA DI TRUMP: “ELITE CORROTTE E INCOMPETENTI SOLO IL POPULISMO CI SALVERÀ”

Commento

Pubblichiamo la versione integrale dell’intervista televisiva di Maria Luisa Rossi Hawkins per la trasmissione Matrix condotta da Nicola Porro su Canale 5 a Steve Bannon

Vorrei cominciare con Cristoforo Colombo, abbiamo appena celebrato il Columbus Day anche se diventa sempre più politicamente scorretto onorare la sua persona…

Cristoforo Colombo è una persona di cui andare fieri. La comunità italiana dovrebbe essere molto fiera di Cristoforo Colombo.

Credimi, non riusciranno ad abbattere la sua statua senza un qualche tipo di lotta. Non voglio dire che ci saranno persone nelle strade a manifestare ma persone che faranno quello che devono fare per protestare per tenere quelle statue in piedi. Sai l’impatto di Cristoforo Colombo nel mondo occidentale è stato enorme ma anche per la comunità italo americana a New York e credo che quello che quelle statue rappresentano, la forza delle idee, la forza del personaggio e la forza del coraggio e la forza delle fede di quegli individui e qualcosa di cui essere molto fieri e lo direi a tutti fino a perdere la voce, non perdiamole

Lei si definisce un combattente. Contro chi combatte e per chi combatte?

Mi sento come un combattente per l’uomo debole, per l’uomo comune e la donna, combattendo contro l’attuale classe politica che è un vero e proprio cartello che si è impossessato degli Stati Uniti. Sono stato molto onorato di essere stato il ceo della campagna elettorale di Donald Trump e ho avuto modo insieme al presidente Trump di portare queste idee al cospetto del popolo americano e come abbiamo visto l’8 novembre credo che la gente di questo paese concordano molto con queste idee.

Quando ha capito che avrebbe vinto?

Il 14, 15 agosto ho preso la gestione della campagna elettorale come Ceo, la campagna era indietro di 16 punti, la campagna non aveva molti soldi ma aveva Donald Trump e aveva queste idee populiste e di economia nazionalista. La prima volta che parlai con l’allora candidato Trump quando stavo pensando di accettare l’incarico gli dissi che aveva il 100 per cento della certezza metafisica di vincere se si contrapponeva a Hillary Clinton, rappresentante di una elite corrotta e incompetente.

Come si concilia la lotta populista con un mondo globalizzato?

Credo che la globalizzazione sia un’idea radicale che si è consolidata negli ultimi 30/40 anni a danno della classe lavoratrice, della classe media in tutto il mondo. Quel populismo significa dare finalmente una voce a quel piccolo uomo contro le elite, la chiamiamo il partito di Davos, la conferenza economica mondiale che lavora con leader come l’Ungheria. Sai, l’elite in Ungheria, in Italia, nel Regno Unito e negli Stati uniti… i tipi che dicono al mondo come devono funzionare le cose. Credo che il populismo sia la strada del futuro… la gente dovrà trovare queste soluzioni non si faranno guidare come delle pecore, devi prendere il controllo della tua vita, devi prendere il controllo del tuo movimento politico e alla fine devi prendere il controllo della tua nazione. Il motivo per cui ho fondato Breibart Londra e Breibart Roma è quello di essere un radar in avan scoperta di questi movimenti perché credo che siete avanti degli Stati Uniti, per quest penso che Ukip e altri movimenti simili erano molto più avanti degli Stai Uniti e gli Stati Uniti adesso li stanno raggiungendo.

Questo nazionalismo economico che lei promuove negli Stati Uniti nuoce l’Europa

Credo che il nazionalismo economico degli stati uniti sarà molto utile per l’Europa e il motivo è che l’economia degli Stati Uniti sara più forte, più energica, saremo un alleato migliore. Saremo una nazione più prospera e le Nazioni più prospere sono vicini di casa migliori. In questo momento le nazioni europee vedranno l’accordo che faremo con l’inghilterra una vola usciti dalla Brexit, una volta che saranno usciti dall’unione europea. Faremo un accordo bilaterale con loro. In questo momento quello che mi preoccupa è che troppi dei nostri alleati sono dei protettorati, la NATO e l’Unione Europea, so che a molti non piace, ma sono protettorati degli Stati Uniti. La Corea del Sud è un protettorato degli Stati Uniti, il Giappone è un protettorato degli Stati Uniti e gli Stati Uniti non si possono permettere più questo.

Ma la percezione internazionale dell’ America First è molto diversa da quello che lei descrive..

Il programma america first di Donald Trump non vuol dire isolazionismo, anzi vuol dire il contrario…significa che l’america collabora con il resto del mondo. Lo dico in particolare per i suoi telespettatori italiani. Gli italiani non hanno un amico migliore degli stati uniti d’america e non hanno un rappresentante migliore di questa amicizia del presidente trump.

Il tema dell’iimmigrazione è un argomento scottante sia qui negli Stati Uniti che in Europa.

Credo che l’Europa nei prossimi paio di anni, se non il prossimo anno andrà in una sorta di time out per organizzarsi in qualche modo per evitare una immigrazione di massa dall’Africa sub sahariana, dal Nord Africa e dal Medio Oriente perché credo, e l’ho detto anche per la NATO, credo che si tratti della più grande questione di sicurezza nazionale in Europa… nell’Euopa Occidentale e se è un problema di sicurezza nazionale in Europa occidentale diventerà un problema di sicurezza nazionale negli Stati Uniti.

Eppure il Papa promuove una politica di accoglienza e di porte aperte contraria alla sua

La mia preoccupazione riguardo il Papa è che interviene su tutto…un giorno dice che dobbiamo accogliere tutti, no? come da insegnamenti cristiani, altre volte dice che dobbiamo difendere le nostre comunità e i nostri Paesi. Penso che i Cristiani non dibattono con il Papa sul fatto che dobbiamo accogliere gli altri, la domanda è: possiamo aprire i confini e permettere ad un numero illimitato di persone di arrivare in maniera disordinata?

Secondo i politici in Europa l’immigrazione non si può fermare, forse si può rallentare ma comunque è il futuro.

Il populismo dice: siamo stanchi di questi esperti che ci dicono proprio quello che lei ha detto adesso e cioè che deve essere cosi e non può essere in alcun altro modo…perché noi siamo gli esperti, sappiamo come funziona e quindi dovrete prendere immigrazione illimitata da tutto il mondo. Credo che stiamo vedendo uomini e donne in tutta Italia, in tutta l’Ungheria, Francia, Germania e gli Stati Uniti che dicono: sai che c’è? Non vi crediamo più. Ce lo hanno detto per decenni e guarda cosa ha fatto ai nostri Paesi. Per questo credo che i prossimi 5, 10, 15, 20 anni la politica sarà molto più controversa.

Lei ha fatto eleggere Donald Trump, nessuno si aspettava che vincesse prima che arrivasse lei.

Donald Trump ha fatto eleggere Donald Trump. Solo Donald Trump nelle elezioni del 2016 di tutti i repubblicani conservatori poteva essere eletto perché la macchina clinton è una macchina che si allaccia alla stampa mainstream, con i soldi di Wall Street, con la classe politica a Washington DC. Donald Trump si parla alla gente della classe lavoratrice, della classe media perché non parla come un politico, parla come uno di loro, parla in maniera colloquiale molto diretta che fa breccia sugli americani.

Chi sono i nemici di Trump?

Sicuramente i suoi nemici sono il partito di Davos, se menzioni il nome di Donald Trump davanti alle elite di Davos si imbestialiscono. Leggi l’Economist, leggi il Financial Times pensano che sia un diavolo perché lui è la voce di una rivolta populista e popolare negli Stati Uniti d’America.

Trump verrà rieletto una seconda volta?

Ho detto al presidente molte volte se rispetti le promesse che hai fatto e rispetti la loro realizzazione…e sarà molto difficile perché c’e una enorme resistenza…ma se riesci a rispettare quella manciata di idee che ti hanno fatto eleggere guadagnerai un paio di seggi nel 2018, avrai la camera di rappresentanti e questo ti permetterà di arrivare a una vittoria con 400 voti dei grandi elettori nel 2020

Qual è la strategia sulla Crea del Nord?

Credo che la soluzione per la Corea del Nord sia la Cina. Credo che tutte queste chiacchere sulle testate nucleari siano solo chiacchere. So che tutti cercano di capire e fare strategie per evitare quel coinvolgimento.

Abbiamo appena avuto il peggior eccidio di massa eppure per lei il problema non sono le armi.

Non è un problema delle armi. A Breibart abbiamo assunto una linea molto dura, per noi è un problema di individui, pensiamo che sia un problema di cultura…non è un problema del mezzo ma di quello che ci siamo permessi di diventare.

Nonostante la derisione del mondo e di gran parte dei media, Donald Trump é alla Casa Bianca.

Donald Trump è una grande individuo. La cosa che ammiro di più di lui è il suo coraggio, ha dimostrato un grande coraggio nel fare quel che sta facendo perché le elite in questo Paese, le elite nel mondo e i media d’elite non hanno fatto niente …non per sconfiggere le idee di Donald Trump…c’è qualcosa di più profondo e più oscuro di questo …è di distruggere l’uomo, non solo di distruggerlo ma mandare un segnale a tutti gli altri che se disobbedisci, che se cerchi di avere una leadership, se cercherai di aiutare la gente a crescere questo è quello che ti succederà.

Vi siete scontrati ferocemente nel corso della campagna elettorale, le devo chiedere di Hillary Clinton.

Sta facendo un altro tour con il suo libro e ancora non ci ha spiegato perché dovrebbe diventare presidente degli Stai Uniti. Si lamenta di tutte le cose cattive e tutte le persone cattive e tutti gli ostacoli… non riesce ad articolare perché dovrebbe diventare presidente degli stati uniti. Non vedo l’ora che si presenti nel 2020…perché si candiderà sicuramente nel 2020…assolutamente…

Il Presidente vuole cancellare l’accordo con l’Iran: 

L’ho detto dal primo giorno, è una mossa intelligente sostenuta dagli evangelici e da molti conservatori che sono i grandi sostenitori dello stato di Israele. E’ una mossa intelligente e saggia. la mia unica preoccupazione è che data la situazione nella Corea del Nord l’Iran si possa fare la bomba da sola. Ma tutto questo parlare di conflitti e’ solo parlare perché so per certo che gli esperti della sicurezza nazionale lavorano giorno e notte per evitarlo

Chi è il peggior nemico del Presidente alla Casa Bianca?

Trump non ha nemici. Vuole sentire una molteplicita’ di voci. Ci sono Repubblicani e Democratici, poi lui fa le sue decisioni attraverso il metodo socratico.

Chi è il vero nemico del Presidente? 

Decisamente sono le elite di Davos. Se nomini loro Donald Trump, gli scoppia la testa. Basta leggere l’Economist, Il Financial Times per loro Donald Trump e’ Satana perche’ rappresenta la voce del populismo anti elites e’ il Rappresentante del Nazionalismo economico negli Stati Uniti. Nessun cambiamento economico avviene senza la lotta. Ma se mantieni le promesse e combatti arrivi alla vittoria.

Trump vincerà un secondo termine? 

Se Donald Trump manterrà le sue promesse vincera’ senz’altro le elezioni.

Costruirete il muro?

Certo che costruiremo il muro. Trump si e’ impegnato con il popolo americano e manterrà’ la promessa. Certo non sara’ facile nessuno gli dira’ prego fai pure…

Parli con Trump tutti i giorni?

Abbiamo parlato recentemente. E’ un individuo incredibile la sua dote principle e’ il coraggio. Le elites hanno cercato di distruggere Donald Trump personalmente per mandare un messaggio a lui e a tutti quelli che volgiono cambiare le cose. Il messaggio e’ che se provi a cambiare le cose rischi grosso e questo e’ quello che ti succede. E’ un avvertimento anche per voi in Europa. Ma lui ha coraggio e come diceva Churchill il coraggio e’ la virtu’ sulla quale si innestano tutte le altre.

Las Vegas e’ stato il peggior eccidio di massa negli Stati Uniti ma lei dice che non e’ colpa delle armi. 

Le armi non c’entrano niente. Noi a Breitbart sosteniamo il secondo emendamento della costituzione. Non e’ il mezzo sono le persone. Non e’ il mezzo e’ quello che siamo diventati.

Ma come si spiegano tante affermazioni di Trump?

Trump e’ un genio mediatico c’e’ sempre una ragione per quello che fa. Ho perso tante discussioni con lui proprio perché ‘il suo senso mediatiatico e molto superiore al mio. Parla alla pancia delle gente e sa farsi ascoltare.

Perche’ i media americani non si sono resi conto che Trump avrebbe vinto?

La campagna di Hillary Clinton ha commesso una serie di errori. I media non raccontavano la verità’ e l’hanno aiutata a perdere perché non e’ mai migliorata come candidata. Poi Hillary non e’ intelligente e’ una secchiona. Ho frequentato Harvard con gente come lei. E’ molto diligente ma l’intelligenza e’ una altra cosa significa applicare l’intelletto in maniera anche estemporanea alle circostanze, come fa Trump che non e’ affatto secchione. Poi, non hanno usato abbastanza Obama. D’accordo o no, Obama e’ una delle figure politiche preminenti americane e lo hanno utilizzato con Michelle solo alla fine quando erano nel panico e stavano affondando. Non vedo l’ora che Hillary si ricandidi. Con questo suo nuovo libro sta preparando una nuova candidatura. Sono sicuro che ricandidera’.

Fonte: Qui

loading...
LEGGI ANCHE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI

Commenti per questo post