PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L’ITALIA DOVRA’ DARE UN MILIARDO L’ANNO IN PIU’ (IN CAMBIO? NIENTE!)

Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita’ imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi delle vecchie lire) e ovviamente questi soldi non cadono dal cielo ma provengono dai bilanci dei vari paesi membri che a loro volta tassano i cittadini per procurarsi queste risorse.

Vista la forte crescita dei vari movimenti euroscettici in praticamente tutti gli stati della Ue, sarebbe logico pensare che i parassiti annidati a Bruxelles nei palazzi dell’Unione europea stiano pensando a un modo per ridurre questo bilancio, cosi’ da consentire ai vari paesi membri di avere piu’ risorse da destinare a coloro che vivono in poverta’.

E invece non e’ affatto cosi’.

Infatti, alcuni giorni fa il presidente del parlamento europeo Antonio Tajani ha proposto di raddoppiare il bilancio della UE portandolo a 280 miliardi di euro e di reperire questi fondi introducendo una eurotassa da far pagare a tutti i cittadini della UE.

Gia’ la UE deve trovare un modo per coprire il buco da 10 miliardi di euro – all’anno – causato dalla uscita della Gran Bretagna grazie all Brexit, buco che verra’ coperto con l’aumento dei contributi di altri paesi membri, ora addirittura raddoppiarne il bilancio rasenta la follia. Ma questa follia potrebbe materializzarsi a breve.

Comunque, per riempire il “buco” lasciato dalla Gran Bretagna, si prevede che la Germania aumentera’ il suo contributo di 5 miliardi di euro (passando dai 15 miliardi a 20 miliardi l’anno), la Francia 1.2 miliardi in piu’ e l’Italia 1 miliardo in piu’ all’anno e adesso Tajani vorrebbe anche che la UE introducesse una nuova tassa per raddoppiare il bilancio comunitario allo scopo di affrontare il problema del terrorismo e dell’arrivo dei rifugiati! Rifugiati che tali non sono per oltre l’80% di chi è arrivato in Europa, sempre illegalmente, dall’Africa, dall’Asia e dal Medio Oriente.

Per nostra fortuna pero’, questa eurotassa non verra’ approvata per via della forte opposizione della Germania.

Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, ha dichiarato che questa proposta non e’ nell’agenda del governo tedesco e un funzionario del ministero delle finanze tedesco ha detto che il bilancio della UE e’ funzionale e cio’ che serve e’ spendere meglio i fondi esistenti.

Al momento le autorita’ tedesche non hanno specificato meglio il motivo di tale obiezione alla proposta di Tajani, ma e’ chiaro che temono che una nuova eurotassa possa portare ancora piu’ consenso ai vari movimenti euroscettici che stanno creando problemi alla UE. Resta il fatto, però, che per sanare la voragine nei conti derivata dalla Brexit, almeno per ciò che riguarda l’Italia “il conto” che verrà presentato dalla Ue sarà di un miliardo di euro in più da versare nelle voraci casse Ue ogni anno, senza avere nulla in cambio.

Questa notizia ha avuto ampia copertura da parte della stampa britannica e i giornali d’Oltremanica non hanno perso l’occasione di usare questa storia per spiegare perche’ sia importante uscire dalla UE.

In Italia invece questa notizia e’ stata ignorata e questo e’ inaccettabile visto che questa proposta avrebbe danneggiato di parecchio gli italiani ma si sa che i giornali di regime amano censurare cio’ che da’ fastidio al PD.

Noi ovviamente non ci stiamo e abbiamo deciso di riportare questa notizia perche’ vogliamo che gli italiani siano informati sulla vera natura della UE che non e’ il paradiso descritto dai mezzi di informazione ma una istituzione malefica da cui bisogna uscire al piu’ presto.

via Il Nord

POTREBBERO INTERESSARTI: