News

Perché il nazionalismo fa paura alle élite cosmopolite

Redatto da Oltre la Linea.

John B. Judis, The Nationalist Revival: Trade, Immigration, and The Revolt Against Globalization (New York: Columbia Global Reports, 2018), 157 pagine, $ 15,99.

La globalizzazione economica si è trovata in difficoltà un decennio fa con la crisi che chiamiamo grande recessione. Il transnazionalismo politico, sia quello dell’Unione europea, che quello della “rivoluzione democratica globale” di George W. Bush, ha lasciato allo stesso modo solo disillusione. Il ritorno del nazionalismo non è quindi così sorprendente. Ma perché il nazionalismo della destra invece di quello di sinistra?

Dal comunismo internazionale al multiculturalismo da campus di oggi, la sinistra è stata spesso anti-nazionalista. Ma il nuovo libro di John B. Judis offre un promemoria puntuale sul fatto che esiste una anche una sinistra nazionalista, e l’autore stesso ne è un promotore. Scrittore di lunga data per The New Republic e autore di numerosi libri, tra cui una biografia molto apprezzata di William F. Buckley, Jr., Judis ha costantemente sostenuto un nuovo nazionalismo americano. Sebbene il nazionalismo “sia spesso associato all’estrema destra di Hitler tedesco”, scrive Judis, “era anche centrale per i rivoluzionari francesi del 1789, per il Nord nella Guerra civile americana, per i movimenti di liberazione nazionale del XX secolo e per la resistenza britannica all’assalto nazista”.

Il nazionalismo e il controllo del potere economico

Anche in Germania, il nazionalismo non significava nazismo – che era piuttosto il risultato non dell’unificazione nazionale e dei miti romantici che l’hanno accompagnata nel diciannovesimo secolo ma piuttosto di cause come la sconfitta nella Prima Guerra Mondiale, delle condizioni punitivi della pace che ne è seguita e dello  “spettro del bolscevismo … l’incomprensione dei funzionari finanziari americani, britannici e francesi durante gli anni ’20, e il totale fallimento di una democrazia come quella della Weimar”.

Per Judis, il nazionalismo serve a controllare il potere economico in un mondo moderno altrimenti privo di istituzioni che forniscono riparo e sostegno all’individuo. “Il divorzio della produzione da parte del capitalismo moderno da parte della famiglia”, scrive, “e la sfida alla famiglia tradizionale delle nuove norme sessuali hanno indebolito un’istituzione chiave che ha permesso alle persone di trascendere il loro isolamento. Il conflitto della scienza con la religione ha inferto un altro colpo a un’importante fonte di identità di gruppo. “I sindacati erano, in parte, una risposta al problema, ma i sindacati stessi sono stati resi impotenti dalla mobilità globale del capitale. Solo la nazione può restituire un minimo di potere e dignità all’individuo come qualcosa di più di una semplice unità di produzione e consumo, un ingranaggio in una grande macchina impersonale.

Le vecchie fonti di identità – dalla famiglia al tradizionale commercio familiare fino alla chiesa e al vicinato – si sono dissolte nel mercato globale. Ma questo non è un problema per una certa élite altamente istruita ed economicamente avvantaggiata. “Hanno identità multiple”, fa notare Judis, “tra cui una professione (con l’adesione ad associazioni professionali) e una ditta, una pratica o un’università”.

Per quanto conciso sia questo libro, Judis attinge a una raccolta di interessanti fonti interessanti. Cita, ad esempio, Greg Ferenstein, un giornalista che ha intervistato i fondatori delle startup della Silicon Valley e ha scoperto, secondo le parole di Judis, che “il 60% voleva aumentare l’immigrazione. Il venti per cento ha preferito frontiere totalmente aperte. Il 73% per cento ha posto il “commercio globale” come una priorità rispetto ai “lavoratori americani”.

Le alleanze globali contro la sovranità

Nel racconto di Ferenstein, “essi vogliono più alleanze globali a scapito della sovranità, poche restrizioni sull’immigrazione e credono negli incentivi statali per rendere le persone più sane, più istruite e civicamente attive”. I capitalisti globali della Silicon Valley non sono esattamente libertari: vogliono che il governo non solo faciliti l’espansione del mercato, ma anche che provveda a sistemare i difetti della società e e delle abitudini morali. Questi ingranaggi devono essere lubrificati se la macchina deve funzionare in modo efficiente. Lo stato è un meccanico, in servizio a degli ingegneri.

“Il declino economico è spesso accompagnato da un declino della rete sociale di sindacati, bar e club sociali”, osserva Judis in riferimento a The New Minority: White Working Class Politics in the Age of Immigration and Inequality. L’immagine è più o meno la stessa dei quartieri di Dagenham e Barking nell’East London alle “città della Carolina del Nord che fino a poco tempo fa erano centri di produzione di mobili” e “cittadine settentrionali francesi decimate dalla perdita di lavori di produzione e mineraria”, per non parlare di condizioni più ad est in Europa. Lo spostamento della produzione economica sposta anche le connessioni culturali, con l’identità nazionale praticamente l’ultima identità che sopravvive tra i soggetti umani di questo grande esperimento di globalizzazione.

(da The National Interest – Traduzione di Roberto Vivaldelli)

loading...