News

Perché l’Italia è stata la “portaerei” americana per sei decenni.

BY Giuseppe Sorbello e Biljana Stojanovic

La presenza di armi nucleari statunitensi in Europa e in Italia, la maggior parte delle quali si trova nelle basi Gedi e Aviano, non è nuova.

Saggista, autore del libro Aircraft Carrier Italy. Sessant’anni di NATO nel nostro Paese, “Fabricio di Ernesto ha dichiarato in un’intervista a Sputnik che le basi sono necessarie affinché il Pentagono mantenga le tensioni nei rapporti con Mosca.

Un rapporto dell’Assemblea parlamentare della NATO ha rivelato la presenza di armi nucleari statunitensi in Europa, indicando la loro posizione esatta. Sono state menzionate due basi in Italia. Questo è noto da tempo. Perché il governo italiano non ha mai riconosciuto apertamente che esistono armi nucleari in Italia? Per molti anni si è parlato della presenza di testate nucleari statunitensi in Italia e in Europa. In Italia questo non fu mai confermato, perché era un segreto militare. Anche il nome dell’accordo – Stone Axe – firmato da Washington e Roma, gli Stati Uniti fu rivelato solo nel 2005, ma la data esatta della sua firma è ancora sconosciuta.

Gli accordi in base ai quali l’Italia assegna le sue truppe al comando degli Stati Uniti e della NATO sono anch’essi segreti e non si sa quasi nulla di questi. I dettagli di tali accordi sono divulgati solo in casi eccezionali. Ricordiamo, ad esempio, il disastro della funivia del Censis a Cavalese (TN), quando il governo fu costretto a spiegare perché i soldati americani responsabili dell’incidente non potevano rispondere presso un tribunale italiano. Si può presumere che, quando si tratta di accordi disastrosi per l’Italia, il nostro paese non vuole mostrare quanto obbediamo a Washington, l’Italia è l’unico paese in Europa che ha alcune basi NATO e tutte le altre sono basi USA. Quindi l’Italia è una base strategica per le missioni militari statunitensi?

Alla fine degli anni ’70, all’inizio degli anni ’80, diversi ordigni nucleari erano state persino dislocati presso la Base militare di Rimini. La posizione geografica dell’Italia e la sua forma allungata la rendono una “portaerei” ideale nel Mediterraneo, motivo per cui siamo sempre stati di grande importanza per gli interessi strategici statunitensi. Sebbene alcuni paesi dell’Europa orientale offrano i loro servizi al Pentagono, oggi la penisola italiana ofre la base di partenza per le operazioni USA in Medio Oriente e Nord Africa. Non è un caso che nel 2011 i bombardieri che hanno attaccato la Libia siano decollati dall’aeroporto di Gioia del Colle. 
Quanto sono affidabili le basi italiane in cui sono immagazzinate le bombe nucleari? Queste armi possono essere trasferite nelle mani di terroristi o estremisti?

Quando si tratta di questo, possiamo essere calmi. Le bombe sono immagazzinate in bunker sotterranei di basi militari. I potenziali terroristi devono sfondare la sicurezza intorno alla base, entrare nella base, trovare il bunker, neutralizzare la protezione esterna del bunker e poi l’interno. Direi che è praticamente impossibile.

Ci si domanda quanto abbia senso ai nostri tempi garantire che le basi operino con le armi nucleari statunitensi dirette contro la Russia.Gli Stati Uniti hanno lanciato la loro presenza militare in Italia e in Europa negli anni ’50 per controbilanciare l’Unione Sovietica. L’URSS è crollata nel 1991 e da allora la NATO si è “riqualificata” in una forza che contrasta le minacce terroristiche e le minacce alla sicurezza degli Stati Uniti, compresa la fittizia “minaccia russa”.

Se guardiamo più da vicino, vedremo che Washington si sta effettivamente avvicinando pericolosamente ai confini russi. Secondo noi, non ha senso avere basi nucleari in Italia, ma per il Pentagono sono necessarie per mantenere le tensioni con Mosca.

Potrà arrivare il giorno in cui gli italiani riceveranno informazioni concrete sulle basi del loro territorio? Spero sinceramente che venga il giorno in cui i cittadini italiani riceveranno queste informazioni. Tuttavia, la nostra classe politica è così dipendente e subordinata agli Stati Uniti che credo che la popolazione scoprirà solo il minimo necessario di informazioni.

Fonte: Sputnik News

https://rs-lat.sputniknews.com/analize/201908031120538264-zasto-je-italija-vec-sest-decenija-americki-nosac-aviona/?ref=fbsputnik&fbclid=IwAR24hJm1OD2lc_D2XeeRCkGsNnb1Trt5xNMy2MTPdcYQmWMTbOpjn8pH-dc

Tratto da: https://www.controinformazione.info/perche-litalia-e-stata-la-portaerei-americana-per-sei-decenni/