Vladimir Putin pronostica il crollo della sicurezza mondiale

L’uscita degli USA dal trattato sui missili a corto e medio raggio (INF) avrà delle conseguenze molto pesanti per la sicurezza internazionale.

L’uscita degli Stati Uniti dal Trattato sull’eliminazione dei missili a medio e corto raggio avrà le conseguenze più gravi per la sicurezza internazionale, ha detto il presidente russo Vladimir Putin. Lo riporta Ria Novosti.

Secondo il capo dello Stato, questa mossa di Washington può portare al collasso di tutta l’architettura della sicurezza. Egli ha sottolineato che gli Stati Uniti fanno scadere il contratto “sotto falso pretesto, e da molto tempo non lo rispettano”.

Non ci saranno vincitori

L’America inizia una nuova gara nucleare. In cosa fa paura la Russia? Parlando del contratto, Putin ha notato che qualsiasi reclamo a tale convenzione, svolge un ruolo di stabilizzazione, e niente impedisce un accordo di adesione al contratto di altri paesi. Il presidente ha aggiunto che in risposta alle azioni degli Stati Uniti, la Russia prenderà ulteriori misure per rafforzare la sicurezza.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato l’intenzione di uscire dal contratto dei missili a medio raggio il 20 ottobre. Il 4 dicembre, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha ufficialmente accusato la Russia di non rispettare il Contratto. Egli ha detto che Washington sospende il contratto, e poi inizierà la procedura di uscita da esso nel caso in cui Mosca non tornerà alle condizioni del contratto entro 60 giorni.

Il contratto per l’eliminazione dei missili a medio raggio è stato firmato nel 1987 dal segretario generale del Comitato Centrale del PCUS Mikhail Gorbaciov e dal presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. Vieta ad entrambe le parti di avere missili balistici e missili da crociera di una portata che va da 500 a 5,5mila chilometri.

via Sputnik

POTREBBERO INTERESSARTI: